Amsterdam con bambini


Proprio un anno fa eravamo in Olanda!
 

 

Ebbene si.. ho uno zio che vive in un paesino accanto ad Amsterdam! Prima prova per noi, di viaggio in quattro, e stavolta ci siamo giocati la carta dell’aiuto dello zio Manu che è venuto con noi e ci ha dato una grossa mano!

 

Trovati dei biglietti a prezzi modici prendiamo il Bergamo/Eindhoven per risparmiare (Ryanair), primo volo per il piccolo Gio che aveva otto mesi. Abbiamo affittato l’auto in aeroporto per girare tranquillamente e raggiungere la casa dello zio che vive in un paesino molto carino accanto all’aeroporto, Aalsmeer.

 

Sono stati quattro gg pieni e li ho organizzati in modo da avere due giornate piene per visitare la città e due per vedere i dintorni. C’era anche l’incognita Giovanni, ma sono partita molto tranquilla visto che avevamo comunque una base a casa dello zio e avrei potuto preparare anche solo un pasto al giorno per lui. C’è da dire che Giovanni era ancora allattato al seno e quindi io ero tranquillissima visto che in qualsiasi momento se gli fosse preso un attacco di fame improvvisa avevo il modo per rimediare subito! 🙂

 

Il meteo non è stato molto clemente con noi, abbiamo trovato nuvoloni e qualche goccia, ma non ci ha fermato nulla!

 

Solitamente organizzo tutto, giorno per giorno, questa volta ho solo prenotato i due musei che avevamo deciso che assolutamente non dovevamo perderci.

 

Casa di Anna Frank e museo di Van Gogh. (entrambi i biglietti presi online per evitare le code chilometriche).

 

Casa di Anna Frank:  io e mio fratello ci siamo stati nel lontano 2003, ma mi aveva emozionato così tanto che ho voluto tornarci con marito e figli. Avevo inoltre il compito di cercare di spiegare a modo mio, cercando di ovattare un po’ la storia ma allo stesso tempo renderla aimè piacevole agli occhi di una bimba di due anni e mezzo. Giovanni è stato bravissimo, era nel nostro caro marsupio Manduca e visto anche il tragitto con scale abbastanza strettine, direi che ho fatto la cosa migliore 😉

 

 

Museo Van Gogh: Museo dedicato all’arte di uno dei più famosi pittori. I suoi  quadri sono talmente magnetici che non potevamo non fare un salto e vedere tutto il museo a lui dedicato! Qui per fortuna il nostro eroe Zio Manu si è fatto carico di Giulia, con lei mano nella mano si è fatto tutto il museo, raccontandole i quadri e rendendola un po’ partecipe per non farla proprio annoiare.

 

 

Gli altri due gg li abbiamo dedicati ai dintorni di Amsterdam, visto che avevamo l’auto ci siamo organizzati con orari e pause in maniera indipendente.

 

 Siamo stati a Volendam in mattinata e nel pomeriggio abbiamo preso il traghetto che in 45 minuti ci ha portato sull’isola di Marken. Volendam è un paesino caratteristico e molto turistico, ci siamo fatti una bella passeggiata e abbiamo assaggiato lo street food a base di pesce (anche Giulia ha gradito!)

 

Sull’isola di Marken invece il  tempo sembra essersi fermato, non ci sono automobili e alcuni abitanti vestono ancora gli abiti tradizionali. Noi ci siamo incamminati e persi nelle stradine costeggiate da prati verdi!

 

 

 

 

 

 

 

 

Il nostro ultimo giorno l’abbiamo dedicato a Zaanse Schans, un villaggio di mulini, molto caratteristico! Alcuni mulini sono stati adibiti a negozi, dove si possono acquistare formaggi e prodotti tipici. In alcuni ho visto laboratori per bambini per preparare forme di cioccolato! 

 

Direi che la prova per il nostro primo viaggio a quattro è stata superata, certo siamo stati avvantaggiati perché avevamo casa e l’aiuto di zio Manu, ma i bimbi si sono comportati davvero bene! Giulia è stata attentissima, soprattutto durante la visita alla Casa di Anna Frank e quando abbiamo visto i mulini e Giovanni  ha mangiato di tutto di più!

 

 

 

2 risposte a “Amsterdam con bambini”

  1. che tenerezza vedere i tuoi bimbi cosi piccini! Amsterdam é davvero tanta roba!

    1. Piedini in Viaggio dice: Rispondi

      hai visto che piccolini? eravamo agli albori di Piedini in Viaggio!

Lascia un commento