Dormire in un nido fra gli alberi – in campeggio con bambini in Valle d’Aosta

Ed eccomi qui a raccontare la nostra prima esperienza, seppur breve, in campeggio,  non in tenda, non in bungalow, non in camper o roulotte ma… in un nido fra gli alberi!

In questi giorni di caldo torrido abbiamo cercato un posto per rifrescarci e l’occasione di andare in montagna era perfetta per tutti.
Essendo alle prime armi con il campeggio e quindi non molto attrezzati abbiamo voluto cercare qualcosa di particolare e abbiamo scelto il Campig la Grolla, a Challand Saint Anselme in Val d’Ayas in Valle d’Aosta.
Il nido fra gli alberi è una struttura completamente in legno incastonata fra gli alberi a due piani. La parte bassa ha un tavolo con panche che si trasforma in letto ma può essere quindi anche usato come base per pranzare o fare colazione. La parte alta (alla quale si può accedere anche da fuori) ha i materassini per la zona notte/relax. Entrambe le zone sono dotate di luce e di prese elettriche. I bagni sono in comune come in tutti i campeggi, puliti, comodi e con anche un fasciatoio per gli ospiti più piccolini. Dovrete solo portarvi il sacco a pelo!
l’interno del nostro nido fra gli alberi
Tutti a nanna nel nido fra gli alberi
l’entrata del nostro nido

I miei bimbi erano davvero elettrizzati e noi anche! Per la prima volta abbiamo fatto vita da campeggio, abbiamo dormito con il sacco a pelo tutti assieme e ci siamo goduti la natura a pieno. E’ stato bello dormire tra gli alberi! Durante la notte ci hanno fatto compagnia solo i rumori della natura, le foglie che si muovevano al vento e il ruscello accanto che sentivamo scorrere.
Un’esperienza unica assolutamente da provare!
Il campeggio offre anche una ricca colazione a km zero. La mattina potrete far colazione ordinando un cestino di prodotti: pane ai cereali, marmellate e miele della zona, biscotti bio e succhi di frutta per i bambini. I proprietari sono persone gentilissime e ci siamo sentiti davvero coccolati!  Un vero peccato non esserci fermati qualche giorno in più perchè la zona offre davvero molte cose da visitare.
Cestino a km zero

 

Cosa abbiamo visto in Val d’Ayas:

Il primo giorno, dopo aver familiarizzato un pò con il nido fra gli alberi siamo andati a fare una bella passeggiata al Lago di Villa, a pochi km dal campeggio. Un percorso semplice per famiglie, comodo anche con passeggino a seguito, all’interno di una riserva naturale. Il posto offre la possibilità di ammirare il paesaggio tipico lacustre, uno dei principali siti di riproduzione di molte specie di anfibi. Ricordate di portarvi un plaid per un pò di relax fra gli alberi all’ombra.
Lago di Villa
Il secondo giorno, lasciato il campeggio ci siamo diretti verso Champlouc (che dista poco meno di 15 km) dove abbiamo fatto una passeggiata nell’area verde attrezzata nel bosco di Pian Villy, una pineta attrezzata per pranzo al sacco e per la griglia dove i bambini seguendo il percorso creato da bellissime statue di legno intarsiate possono sognare con gnomi e fate.
statue in legno intarsiate

Noi abbiamo preferito rilassarci a Brusson, un posto che amiamo sempre.
Al lago, attrezzato, pulito e pieno di giochi per i bambini. Lo consiglio davvero!
Non perdetevi la zona panoramica nei pressi di Antagnod, un piccolo borgo da cui si scorge tutta la vallata, una strada panoramica davvero che toglie il fiato che in inverno è importante località sciistica.
Brusson

Post scritto in collaborazione con il Camping La Grolla

Lascia un commento